Marino Zorzi fu il 50° doge della Serenissima (1311-1312).
Pio e devoto, detto il Santo, aveva 81 anni (era nato nel 1230) ed era sposato ad Agneta Querini.
Egli vedeva nell’alta carica lo strumento per potersi occupare del prossimo, in maniera più operosa.
Il suo dogado, però, durò soltanto 11 mesi.
Nella Promissione di questo doge, come in quella del 1253 di Ranieri Zen, ritroviamo il nome Bucintoro, l’imbarcazione principesca fatta costruire per decreto del Senato per la cerimonia dello Sposalizio del Mare e custodita in Arsenale.
Quando Marino si spense, fu sepolto nella nuda terra nel chiostro della Chiesa di S. Giovanni e Paolo. Nel tempo si perdette il ricordo del luogo esatto e allora i frati fecero apporre una lapide all’interno della chiesa con una iscrizione commemorativa.

Annunci